La parrocchia di Palata vicina ai suoi ragazzi nel percorso scolastico annuale

0

I ragazzi della Parrocchia Santa Maria La Nova in Palata, nell’arco temporale di due domeniche, hanno vissuto veri e propri momenti di gioia e di crescita umana e spirituale. Domenica 6 ottobre 2019 – primo di questi momenti – gli alunni e i docenti dell’Istituto Comprensivo di Palata “A. Ricciardi”, assieme al sindaco Maria Di Lena, all’amministrazione comunale e ai Carabinieri ivi rappresentati dal maresciallo Michele Tartaglia, si sono ritrovati in chiesa per partecipare alla Santa Messa e affidare al Signore il nuovo anno scolastico.

Il parroco don Elio Benedetto, il quale ha presieduto la Celebrazione Eucaristica, nell’omelia ha voluto rivolgere ai convenuti questo indirizzo di saluto, toccandone i cuori e stimolandoli alla riflessione: «Il mio saluto arrivi a voi più piccoli che per la prima volta entrate a scuola; guardate con fiducia e simpatia ai vostri insegnanti che vi accompagnano in questo nuovo cammino. A voi più grandi, invece, vorrei invitarvi a considerare la scuola come uno dei luoghi importanti e indispensabili per la vostra crescita – e ancora continuando – non rifugiatevi nel privato, ma riappropriatevi già nelle aule scolastiche di quel “noi” collettivo: della comunità». Parole, quelle di don Elio, dalla notevole portata educativa; il parroco palatese ha saputo, inoltre, ben rimarcare anche il ruolo centrale della parrocchia che, con la sua offerta formativa, si propone come vera coadiutrice nella crescita di ciascuno. L’invito, poi, è stato quello di trovare il tempo per “abitarla”, di continuare a incontrarsi e confrontarsi nei vari gruppi parrocchiali e a offrire del tempo per formarsi e per pregare assieme.

La Celebrazione Eucaristica, nei suoi momenti liturgici principali, ha visto “protagonisti” i docenti, i quali hanno proclamato la Parola di Dio e presentato al Signore – assieme da alcuni ragazzi – alcune tra le Preghiere dei Fedeli; i ragazzi stessi che, durante l’offertorio, hanno presentato al Signore il simbolico materiale scolastico che è stato anche benedetto da don Elio. In conclusione, don Elio ha anche benedetto i diari scolastici e consegnato in dono le coroncine del Santo Rosario con l’augurio di un anno scolastico prospero e sereno.

Domenica 13 ottobre 2019 – durante il pellegrinaggio parrocchiale presso il santuario della Madonna di Montevergine (AV) – alcuni giovani della Scuola Secondaria di II grado, accompagnati dalle loro famiglie, dal parroco don Elio, dalle catechiste e da diversi docenti, hanno incontrato gli alunni delle scuole di Avellino con i loro insegnanti e anche sacerdoti impegnati nella Pastorale Scolastica locale, guidati dal loro vescovo Mons. Arturo Aiello.

L’esperienza del pellegrinaggio è iniziata con la lunga salita montana fino al santuario della Madonna; questa è stata scandita, nelle sue tappe, da preghiere, canti e di riflessioni mirate. Uno degli spunti di riflessione è giunto proprio da papa Francesco che, nella sua lettera “Evangelii Gaudium”, si sofferma su cinque verbi fondamentali: «Prendere l’iniziativa, coinvolgersi, accompagnare, fruttificare e festeggiare». Questi i cinque verbi possono aiutare i ragazzi a riflettere e a costruire quella Chiesa bella, con la quale il Signore “ha preso l’iniziativa” coinvolgendoli nel suo Amore. Proprio per questo motivo è necessario impegnarsi nel crescere insieme, sostenendosi a vicenda e collaborando per il bene della comunità in cui si vie.

Una volta giunti al santuario, il gruppo di Palata (accompagnato da una guida) ha visitato la cappella della Madonna, la Basilica antica, il museo e la mostra dei presepi. Ciò che ha attirato maggiormente l’attenzione dei ragazzi è stata l’immagine della Madonna, raffigurata seduta in trono nell’atto amorevole di tenere Gesù Bambino tra le sue braccia; un’immagine meravigliosa, tra le più belle ammirabili in Italia. </p> <p>Alle ore 12.30, poi, il Vescovo di Avellino ha presieduto la Santa Messa, animata dagli alunni delle Scuole Superiori. Il prelato, nella sua riflessione, ha sottolineato come il cammino verso il santuario di Montevergine, costituisce un’occasione per rinnovare l’incontro con la Madre del Signore e Madre Nostra: «Vi esorto cari giovani: permettete sempre a Dio di stare nella vostra vita e sarete felici!».

Dopo la celebrazione, le famiglie hanno condiviso piacevolmente il momento del pranzo dove, la gioia dei canti e i sorrisi, hanno contribuito ad addolcire ulteriormente questa splendida giornata ricca di emozioni e di preghiera.

In conclusione, queste, due splendide e significative giornate per la parrocchia; occasioni reali – per i giovani e i ragazzi – per esprimersi, per confrontarsi, per riflettere, per riscoprirsi, rinnovarsi e per riprendere il proprio percorso in perfetta sintonia con la comunità parrocchiale, sempre sollecita nel condividerne il cammino scolastico.

LASCIA UN COMMENTO

Prego, inserisci il tuo commento
Prego, inserisci il tuo nome