8.7 C
Palata
lunedì, 28 Novembre 2022
HomeArgomentiParola di DioIII Domenica di quaresima - Anno B – 8 marzo 2015

III Domenica di quaresima – Anno B – 8 marzo 2015

-

HomeArgomentiParola di DioIII Domenica di quaresima - Anno B – 8 marzo 2015

III Domenica di quaresima – Anno B – 8 marzo 2015

- Advertisement -

Svuotarsi per far posto alla libertà.

Es 20, 1-17; 1Cor 1, 22-25; Gv 2, 13-25

Signore, tu hai parole di vita eterna

I Vangeli Sinottici – a differenza di quello di Giovanni – collocano l’entrata di Gesù a Gerusalemme e nel tempio solo alla fine del suo percorso. Giovanni, al contrario, ne dà le coordinate all’inizio, lasciando intendere come tutte le successive narrazioni costituiscano la vera e propria discriminante del ministero di Gesù.

- Advertisement -

Entrato nel tempio, allora, Gesù si presenta ai più in tutta la sua originalità: infatti, con il gesto di scacciare i cambiavalute, compie una vera e propria purificazione di quel luogo, restituendolo peraltro alla sua particolare “vocazione” di “casa del Padre”. Il Maestro, pertanto, reagisce a un atteggiamento sacrilego, condanna con veemenza il trafficare e mercanteggiare senza pudore di quegli individui, finendo così per riappropriarsi di quanto che gli appartiene. A tutto ciò, poi, va aggiunto anche il fatto che la moneta di scambio utilizzata per fare affari era quella Romana recante l’effige dell’imperatore: il dio in terra dell’impero. È evidente, allora, come l’allontanamento dei cambiavalute assume un duplice significato: da un lato, non c’è spazio per l’idolatria, dall’altro, quella casa appartiene a uno e uno solo.

La liberazione del tempio costituisce un vero e proprio atto di “svuotamento”. Il suo rinnovamento lo si comprende solo attraverso un radicale cambio di mentalità, l’abbandono di un certo modo di pensare e agire religioso mercantilistico, dove il rapporto Dio-uomo si riduce a mero commercio. La prossimità della Pasqua rende tale operare ancora più significativo: l’uomo è chiamato a svuotarsi per far posto a Dio e, proprio come Gesù, a morire (a se stesso) e risorgere a vita trasformata.

Giovanni, nel suo vangelo, annuncia l’opera redentrice di Cristo, la lieta novella della liberazione e della libertà. Proprio quest’ultima, non è altro che il desiderio profondo di ogni uomo di vedere se stesso realizzato e non più bisognoso. Tuttavia, questa, è anche ciò di cui l’uomo moderno più dubita. Esso sembra incapace di raggiungerla o di tenersi aggrappato saldamente a lei. Indubbiamente è una conquista tribolata crocifissa, ma l’offerta della rivelazione cristiana ne rende possibile l’approdo: «Quando poi fu resuscitato dai morti, i suoi discepoli si ricordarono che aveva detto questo, e credettero alla Scrittura e alla parola detta da Gesù» (Gv 2, 22). In essa si dà un compimento capace di far passare da un ordine rituale che legittima l’oppressione, a un ordine personale e relazionale.

Il vero tempio, il vero luogo della presenza di Dio fra gli uomini, allora, è il corpo stesso di Cristo. In esso, nella sua passione, morte e resurrezione, si realizza la radicalità della redenzione, si dischiude la via che conduce all’esser come Dio.

Giuseppe Gravante

Giuseppe Gravante
Giuseppe Gravantehttp://www.spesalvi.it
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense, Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.

LASCIA UN COMMENTO

Benvenuti

Palata
cielo coperto
8.7 ° C
8.7 °
8.6 °
72 %
1.8kmh
92 %
Lun
9 °
Mar
9 °
Mer
6 °
Gio
9 °
Ven
10 °
3,800FollowerSegui
344FollowerSegui
399IscrittiIscriviti

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli pubblicitari



Ultimi articoli

Articoli Popolari

Consigli pubblicitari




È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker.

Il sito si mantiene in vita grazie alla pubblicità,

ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungerlo alla lista dei siti attendibili.

 

Per continuare a navigare:

disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.