17.6 C
Palata
domenica, 25 Settembre 2022
HomeArgomentiNewsVincenzo Di Sabato ricorda don Elio per il suo 50° anniversario di...

Vincenzo Di Sabato ricorda don Elio per il suo 50° anniversario di ordinazione sacerdotale

-

HomeArgomentiNewsVincenzo Di Sabato ricorda don Elio per il suo 50° anniversario di...

Vincenzo Di Sabato ricorda don Elio per il suo 50° anniversario di ordinazione sacerdotale

- Advertisement -

Don Elio Benedetto, Parroco in Palata, giovedì 20 agosto celebra il 50° di Messa a Canneto.
Dall’insieme di dinamismo e spiritualità, mediante la “Madonna del sorriso” scopre negli anni ’70 il suo carisma per la Famiglia cristiana “Sabato verrà don Lamera a Canneto. Una personalità di spicco nella Chiesa, un sacerdote dal cuore grande, apostolo della famiglia. Egli aspira, respira ed esprime lo spirito e il dinamismo di San Paolo”.

Manco aveva dieci anni di Messa quando Don Elio – spumeggiante parroco a Palata ancora in talare – mi sversa addosso tutta questa eccitazione. “Son certo che ti appassionerà. E, seppur ultrasessantenne – dovresti vederlo don Lamera – è ancora tutto fuoco nello zelo sacerdotale”.
Bella primavera sul finire degli anni ’70. Con la “Simca-1000”, assieme a Carolina, vado a Canneto. Non c’era troppo affollamento. E, in mezzo all’esuberanza del verde, ci accoglie e ci seduce la serenità del volto ed il risolino di don Antonio Cerrone, vicario generale a Trivento. Fraterno e soleggiato anche l’abbraccio con don Nicola d’Amico e con don Antonino d’Aulerio, sacerdote santo dal graffiante umorismo, soave amico già da molti anni. C’è pure don Luigi Ranalli da San Vito Chietino. E qui noto la presenza di Maurizio ed Anna Grimaldi discesi da Trivento e, da Montefalcone, quella di Giannino e Petrina Desiato, che ancora non conosco ma con i quali da quel pomeriggio, entrerò in piena familiarità.
All’interno dell’Abbazia – seduto tra Alberto e Franca Rubino – scruto un prete infiacchito, (e, mi farfuglia don Elio) “ è incurvato per la deviazione della colonna vertebrale, avvenuta quando aveva 18 anni”. E’ lui, Don Stefano Lamera, raggiante. Nella rotazione dei saluti, quando arriva il mio turno – mi si accosta con l’astuzia d’una presentazione stuzzicante, mormorandomi all’orecchio: “ho bisogno di genitori santi!”.  E registrando anche un mio imbarazzo scaturito dal reciproco forte e forse dolente abbraccio alla sua schiena, ironizza: “povero don Lamera se non avesse questa gobba!”.

Egli era venuto – mi sembra – per la prima volta in Molise, da primo delegato a divulgare l’ ”Istituto Santa Famiglia”, fondato nel 1960 da don Giacomo Alberione. Una invenzione strana e vezzosa di quest’uomo di Dio (ora Beato) silenzioso e fragoroso. Desiderava accendere nel cuore degli Sposi d’ogni età, il fermento ad una consistenza di vita sobria, docile al volere del cielo; ispirata all’incanto della rettitudine e della laboriosità nella vita matrimoniale e comunitaria, e poterli consacrare poi alla Famiglia di Nazareth.
Attraverso la decorazione di questi sogni, don Lamera effonde subito l’affascinante e prodigiosa ricchezza della sua parola, lì, sotto lo sguardo della statua policroma di Santa Maria del Canneto, che poi definirà “la Madonna del sorriso”.

Ondate di compiacimenti e di condiscendenze. Don Elio Benedetto è in visibilio. Da quel giorno e da Canneto, decide di privilegiare e di guardare “la famiglia” come sorgente di comunione e di diffusione della tenerezza di Cristo che non finisce. E, per la gioia e la grazia dei suoi 50 anni di Sacerdozio, mi sembra onesto limitarmi a inquadrarlo e a raccontarlo, soltanto per questa sua audacia diffusiva dell’amore di Cristo per la famiglia e attraverso la famiglia. Anche perché, nell’insieme di dinamismo e spiritualità, l’avevo già radiografato attraverso “Il profumo del tempo”, quel libricino pubblicato in occasione del suo 25° di Messa, coinciso press’a poco al mio trasferimento definitivo da Palata.

- Advertisement -

Crea dunque in parrocchia il “Gruppo Santa Famiglia” numericamente sostanzioso.  Girandole di attività, di occasioni rilevanti e attraenti, di incontri formativi e informativi ispirati alla vita matrimoniale, alla spiritualità laicale, alla promozione d’una cittadinanza cristiana all’interno della collettività civile. “L’amore e il tempo libero”, è uno fra i temi di preparazione al matrimonio sacramentale. Viene a Palata don Vittorio Fusco (quando ancora non era Vescovo di Gallipoli) a parlare delle coppie celebri di Sposi nella Bibbia: Tobia e Sara, Ester e Assuero, Giacobbe e Rachele, Gioacchino e Anna. Arrivano da Campobasso Andrea e Rita De Lisio, dell’Ufficio Pastorale per la Famiglia a conversare su accoglienza e accompagnamento delle famiglie ferite e anche don Angelo Spina, attuale Arcivescovo di Ancona mentre era parroco a Boiano. Perfino il Dott. Antonio Vendemmiati e la psicologa Carmela Buonviaggio a educare le coppie al benessere fisico e interiore, a tutelare la loro salute fisica e svelare il segreto del sollievo nei dispiaceri.  Don Elio raggiunge, così davvero, la cifra piena del coinvolgimento comunitario.
Don Elio e 15 agosto 1980: primo decennio di sacerdozio. Vivacissime le tre domeniche precedenti guidate man mano da don Antonino, don Nicola d’Amico e da don Antonio Cerrone. Le omelie son belle, tutte ispirate alla condivisione, alla complementarità e alla corresponsabilità di ogni figura all’interno della Casa.
Il 15 agosto: “l’anniversario”. E’ un inno al sacerdozio e all’amore che non finisce. Mons. Cosmo Francesco Ruppi, nuovo Vescovo diocesano, fa visita per la prima volta alla comunità. E, con lui, concelebrano anche don Gabriele Mascilongo e don Timoteo Limongi, stessi presbiteri ordinati assieme a don Elio nel 1970, che bello!
Seguitano i settimanali incontri istruttivi e di preghiera in paese. Puntuali i ritiri mensili a Canneto e – con don Lamera – gli annuali Esercizi Spirituali ad Ariccia nella Casa del Divin Maestro; poi a Loreto, Casalbordino, Marotta, Pacognano; persino a Campitello Matese. Don Elio è eroico, resiste! E… che immenso beneficio spirituale ha potuto donare anche a me e a Carolina, attraverso l’efficienza e la bellezza di cielo dell’Istituto “Santa Famiglia”.
Ora si sente sconfortato. Me lo confida con un gemito, qui a Guardia, a casa mia qualche mese fa:
“Nel Gruppo Famiglia non c’è stato ricambio generazionale. C’è stato viceversa il propagarsi dell’indifferentismo. I pochi sopravvissuti al <numericamente sostanzioso> gruppo degli anni ‘70-’80, son vecchi e svigoriti. E’ mancata la valorizzazione del positivo! Sono emerse le prime tinte fosche della disgregazione familiare. Si è capovolto l’ordinamento della “Chiesa domestica”. La politica ha mostrato poco coraggio per salvaguardare una realtà – quella aperta alla vita – che nessuna società potrebbe mai rinunciare. Il rapporto spirituale nella coppia va ancor più evaporando. C’è una denatalità irreversibile e allarmante. Ed il mistero del Coronavirus e le misure cautelative conseguenti, mi hanno impedito di celebrare il mio Giubileo a Palata.

Però, quel sorriso di Maria, tanto venerata e tanto amata, di Canneto, dopo l’estasi di quell’indimenticato primo incontro con Don Lamera, mi richiama! Sicché, a 50 di Messa, torno  da Lei il 20 agosto, a celebrare il mio Giubileo a pregare, ad offrire il mio sacerdozio; ad immolarmi volentieri anche per l’ Istituto Santa Famiglia, sorto proprio a Canneto nel mio cuore, e poter ritrovare lì  anche una bussola adatta ad  orientarmi in un nuovo mondo di ricerca e di conquista di santità di vita e di speranze nuove”.

Vincenzo Di Sabato

- Advertisement -
Parrocchia Palata
Parrocchia Palata
Non è la chiesa edificio che fa la comunità, ma è la comunità dei credenti che fa e costruisce la propria chiesa.

Benvenuti

Palata
nubi sparse
17.6 ° C
17.6 °
16.4 °
88 %
4kmh
55 %
Dom
18 °
Lun
19 °
Mar
22 °
Mer
23 °
Gio
24 °
3,800FollowerSegui
344FollowerSegui
388IscrittiIscriviti

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli pubblicitari



Ultimi articoli

Articoli Popolari

Consigli pubblicitari




È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker.

Il sito si mantiene in vita grazie alla pubblicità,

ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungerlo alla lista dei siti attendibili.

 

Per continuare a navigare:

disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.