Cookie Consent by Free Privacy Policy website
8.6 C
Palata
domenica, 17 Ottobre 2021
HomeArgomentiNewsLa festa di S. Antonio di Padova a Palata. Una tradizione antica...

La festa di S. Antonio di Padova a Palata. Una tradizione antica che trova nuovo lustro.

-

HomeArgomentiNewsLa festa di S. Antonio di Padova a Palata. Una tradizione antica...

La festa di S. Antonio di Padova a Palata. Una tradizione antica che trova nuovo lustro.

- Advertisement -

Il giorno 13 giugno, la comunità di Palata ha vissuto una giornata intensa e piena di spiritualità in occasione della festa di S. Antonio di Padova; la quale, a sua volta, è stata preceduta dalla “tredicina” di preghiera in onore del Santo.

Lunghi sono stati i preparativi all’evento; infatti, grazie al lavoro delicato e certosino svolto dal parroco don Elio Benedetto, coadiuvato dagli esuberanti giovani della parrocchia (con i quali si è creata anche una splendida e profonda sinergia), si è riuscito a riportare in auge – dopo circa cinquant’anni – una delle più belle tradizioni paesane: consacrare a Sant’Antonio i bambini del paese, a loro volta vestiti con il tradizionale saio francescano che, per tali occasioni, prende anche il nome di “monaciello” o “monachello”. Quest’anno, sono stati ben dodici i fanciulli che hanno ricevuto la benedizione delle vesti; insomma, numeri apprezzabili considerando il fatto che tali tradizioni si sono sempre più diradate nel tempo fino a scomparire del tutto dall’immaginario cittadino.

Questo clima particolare, poi, segnato da una spiritualità rinvigorita – come si diceva anche in precedenza – parte da lontano. Una scintilla scoccata diversi mesi fa; un vero e proprio capannello di giovani, infatti, ha manifestato al parroco don Elio il desiderio di dare nuovo lustro a tale usanza, dimostrando un non comune attaccamento e una fine sensibilità alle radici del proprio paese. Il sacerdote, a ragion del vero, non ha lasciato che tale intento si spegnesse nel tempo e, con acume e sottile lungimiranza, in sintonia con il Comitato Feste, ha dato seguito a tale invito, mostrando così anche una grande attenzione verso tutte quelle tradizioni popolari appartenenti al substrato palatese.

Il giorno 12 giugno, dunque, al vespro nella vigilia della festa di Sant’Antonio, come antica e contadina usanza, carristi con i buoi si sono radunati in coro al fine di sfilare in corteo per le vie cittadine fino a giungere davanti alla chiesa parrocchiale dove hanno ricevuto la benedizione impartita da Don Elio. L’emozione di tali frangenti è stata talmente considerevole che tutti i convenuti si sono commossi nel rivivere un’antica quanto bella tradizione.

- Advertisement -

In conclusione, ma non ultima per importanza, da segnalare anche la benedizione del pane e il raggiante spettacolo pirotecnico che ha rallegrato la festa vera e propria del giorno 13. Numerose persone – giunte anche dai paesi limitrofi – hanno gremito fino all’orlo il piazzale antistante la chiesa parrocchiale, per poi partecipare con devozione alla celebrazione della Santa Messa e alla compunta processione per le vie del paese che a quest’ultima ha fatto seguito. La sfilata dei carri colmi di bambini, ornati da fiori di cartapesta fatti a mano e trainati dai buoi, ha così ricalcato – in modo esemplare – l’ultimo pellegrinaggio in vita del santo di adozione padovana.

Ancora una volta, non si può non sottolineare questo lavoro sinergico tra il parroco, i carristi, le famiglie e i gruppi di giovani. Don Elio Benedetto il primo a coglierne il senso, tanto che, a più riprese, non ha esitato a ringraziare tutti coloro i quali si sono adoperati al meglio per addobbare e decorare i carri e i buoi in onore del santo.

Un apprezzamento composto e meritato va anche e soprattutto al Comitato Feste che ha saputo organizzare, allestire e curare gli aspetti più tecnici dell’evento garantendo così l’ottima riuscita della rinnovata tradizione stessa.

Giuseppe Gravante

- Advertisement -
Giuseppe Gravantehttp://www.spesalvi.it
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense, Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.

Benvenuti

Palata
cielo coperto
8.6 ° C
8.6 °
8.6 °
71 %
2kmh
100 %
Dom
14 °
Lun
17 °
Mar
18 °
Mer
20 °
Gio
19 °
3,800FollowerSegui
345FollowerSegui
319IscrittiIscriviti

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli pubblicitari



Ultimi articoli

Articoli Popolari

Consigli pubblicitari