16.1 C
Palata
lunedì, 20 Settembre 2021
HomeArgomentiParola di DioII Domenica del Tempo Ordinario - Anno B - 17 gennaio 2021

II Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 17 gennaio 2021

II Domenica Tempo Ordinario – B

-

HomeArgomentiParola di DioII Domenica del Tempo Ordinario - Anno B - 17 gennaio 2021

II Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 17 gennaio 2021

II Domenica Tempo Ordinario – B

- Advertisement -

II Domenica Tempo Ordinario – B

(1 Samuele 3,3-10.19; 1 Corinzi 6,13-15.17-20; Giovanni 1,35-42)

Non solo indicare il cammino da compiere ma accompagnare

- Advertisement -

Ascoltiamo il Vangelo:

“In quel tempo, Giovanni stava con due dei suoi discepoli e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l’agnello di Dio!». E i suoi due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù.
Gesù allora si voltò e, osservando che essi lo seguivano, disse loro: «Che cosa cercate?». Gli risposero: «Rabbi – che, tradotto, significa maestro -, dove dimori?». Disse loro: «Venite e vedrete». Andarono dunque e videro dove egli dimorava e quel giorno rimasero con lui: erano circa le quattro del pomeriggio.
Uno dei due che avevano udito le parole di Giovanni e lo avevano seguito, era Andrea, fratello di Simon Pietro. Egli incontrò per primo suo fratello Simone e gli disse: «Abbiamo trovato il Messia» – che si traduce Cristo – e lo condusse da Gesù. Fissando lo sguardo su di lui, Gesù disse: «Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; sarai chiamato Cefa», che significa Pietro”.

Degli incontri importanti nella propria vita, quegl’incontri che nutrono l’anima, ravvivano i sentimenti, fanno sbocciare nuove speranze, dissipano il grigiore e innestano nuove primavere, ci ricordiamo tutto. Ora, intensità, particolari, emozioni. Tutto è registrato nell’hard disk della vita. Indelebile. Sono momenti unici e magici che segnano per sempre. Talvolta sono l’inizio di svolte epocali, di decisioni mai prese prima di allora, di sconvolgimenti radicali e altre volte possono essere occasioni di revisioni di vita, di nuova progettualità e di ripartenze insperate.

C’è un però! Tutto questo accade sia per i momenti belli che per quelli tristi. Ed è ovvio che i primi rendono solare l’esistenza, i secondi ci fanno brancolare nel buio.

“Erano circa le quattro del pomeriggio”, quando tutto questo è accaduto anche ai due discepoli di Giovanni il battezzatore. Andrea uno dei due protagonisti dell’incontro con Gesù che passava è stato talmente toccato che ricorda perfino l’ora esatta. Alcuni incontri sembra che fermano l’orologio tanto sono intensi e segnano per sempre l’esistenza. Il brano del vangelo che annota questi particolari di sicuro è stato scritto perché i protagonisti lo hanno raccontato. Solo loro potevano conoscere l’intensità, lo spessore e la dilatazione dei sentimenti provati. Ma ci trasmettono anche un esempio comportamentale di alto pregio e valore relazionale. Non tengono seppellito in sé stessi ciò che hanno provato, cercano di contagiare anche altri. E Andrea, incontrando suo fratello Simone, subito gli confida: “Abbiamo trovato il Messia… e lo condusse da Gesù”.

Ecco: essere traghettatori verso Gesù. Non solo indicarlo, sarebbe già molto, ma non bastevole, c’è un altro modo, molto più persuasivo: accompagnare. Portare, col dono della propria compagnia, facendo gli stessi passi, per arrivare all’approdo. Il miglior maestro è colui che cammina con i suoi discepoli, vive, condivide le stesse fatiche, la stessa ricerca.

C’è dell’altro che rende ulteriormente qualificante l’atteggiamento dei due discepoli che intercettano Gesù. Prima di tutto gli chiedono: “dove dimori?”. Hanno fame e sete di relazione intima, avvertono la necessità di un incontro non occasionale ma stanziale, residenziale. Difatti il vangelo annota: “… Andarono dunque e videro dove egli dimorava e quel giorno rimasero con lui”.

Non basta incontrare occorre desiderare di stare, restare, condividere la dimora, rimanere uniti. E’ il vero segreto della vita cristiana. Non basta incontrare Gesù all’occorrenza quasi come un pronto soccorso, un tappabuchi, ma rimanere con lui, farne esperienza, nutrirsi del suo calore, del suo insegnamento, della sua amicizia. Tutti ci sentiamo un po’ come Simone bisognosi d’essere invitati, accompagnati. Ma dobbiamo risvegliare in ciascuno di noi anche l’Andrea che si premura di testimoniare, di accompagnare di condurre per rimanere assieme ai piedi di Gesù e nutrirci del suo insegnamento.

don Benito Giorgetta

- Advertisement -
Parrocchia Palata
Non è la chiesa edificio che fa la comunità, ma è la comunità dei credenti che fa e costruisce la propria chiesa.

Benvenuti

Palata
poche nuvole
16.1 ° C
16.1 °
16.1 °
79 %
2kmh
18 %
Lun
23 °
Mar
21 °
Mer
21 °
Gio
20 °
Ven
26 °
3,800FollowerSegui
345FollowerSegui
316IscrittiIscriviti

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli pubblicitari



Ultimi articoli

Articoli Popolari

Consigli pubblicitari