15.9 C
Palata
giovedì, 6 Ottobre 2022
HomeArgomentiParola di DioNelle difficoltà e nei sacrifici la fedeltà a Dio

Nelle difficoltà e nei sacrifici la fedeltà a Dio

-

HomeArgomentiParola di DioNelle difficoltà e nei sacrifici la fedeltà a Dio

Nelle difficoltà e nei sacrifici la fedeltà a Dio

- Advertisement -

Santa famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe

Nelle difficoltà e nei sacrifici la fedeltà a Dio

(1 Samuele 1,20-22. 24-28; 1 Giovanni 3,1-2. 21-24; Luca 2,41-52)

Ascoltiamo il Vangelo:
“I genitori di Gesù si recavano ogni anno a Gerusalemme per la festa di Pasqua. Quando egli ebbe dodici anni, vi salirono secondo la consuetudine della festa. Ma, trascorsi i giorni, mentre riprendevano la via del ritorno, il fanciullo Gesù rimase a Gerusalemme, senza che i genitori se ne accorgessero. Credendo che egli fosse nella comitiva, fecero una giornata di viaggio, e poi si misero a cercarlo tra i parenti e i conoscenti; non avendolo trovato, tornarono in cerca di lui a Gerusalemme. Dopo tre giorni lo trovarono nel tempio, seduto in mezzo ai maestri, mentre li ascoltava e li interrogava. E tutti quelli che l’udivano erano pieni di stupore per la sua intelligenza e le sue risposte. Al vederlo restarono stupiti, e sua madre gli disse: «Figlio, perché ci hai fatto questo? Ecco, tuo padre e io, angosciati, ti cercavamo». Ed egli rispose loro: «Perché mi cercavate? Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del Padre mio?». Ma essi non compresero ciò che aveva detto loro. Scese dunque con loro e venne a Nazaret e stava loro sottomesso. Sua madre custodiva tutte queste cose nel suo cuore. E Gesù cresceva in sapienza, età e grazia davanti a Dio e agli uomini”.

- Advertisement -

Come ogni uomo per nascere ha bisogno di una famiglia, così Dio, per sua scelta, nascendo, ha voluto per sé una famiglia. Ha avuto una madre naturale, Maria di Nazaret e un padre giuridico, Giuseppe, ma erano famiglia benché non ancora fossero andati a vivere insieme. Il rito matrimoniale, all’epoca, prevedeva due distinti momenti, il primo: quello giuridico; successivamente quello dell’incontro dei due sposi e l’inizio della convivenza. Maria e Giuseppe erano marito e moglie perché avevano celebrato giuridicamente le nozze anche se non ancora non vivevano insieme. Questo ha causato dei disagi in Maria: “Come avverrà questo se non conosco uomo?”, ma anche in Giuseppe: “… figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa, perché quel che è generato in lei viene dallo Spirito Santo. Essa partorirà un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati” (Matteo 1,18-24).
Una famiglia quella di Gesù Giuseppe e Maria non risparmiata dai disagi e dalle sofferenze, anzi, tutto il contrario. La precarietà, il rifiuto, la povertà, il disagio sono stati la mappa che li ha condotti a Dio. In tuto docili, collaborativi, obbedienti al progetto di Dio. Gesù perché inviato dal Padre, Maria perché collabora dando tutta sé stessa e Giuseppe che accetta d’essere il padre giuridico di Gesù. Ognuno di loro ha vissuto dei drammi nel proprio cuore, ma mai è venuta meno la fiducia in Dio. La precarietà a cui sono stati chiamati è diventata forza in Dio. Le incertezze e i drammi interiori sono diventati abbandono fiducioso. Il nomadismo e lo sfratto dalla stalla per andare in Egitto sono stati mutati in atteggiamento collaborativo con Dio. Tutto hanno accettato, tutto hanno sopportato, in tutto hanno collaborato perché sicuri che l’amore di Dio non li avrebbe mai abbandonati.
A questa famiglia dobbiamo guardare, tutte le nostre famiglie ad essa si dio.

Don Benito Giorgetta

- Advertisement -
Parrocchia Palata
Parrocchia Palata
Non è la chiesa edificio che fa la comunità, ma è la comunità dei credenti che fa e costruisce la propria chiesa.

Benvenuti

Palata
cielo coperto
15.9 ° C
15.9 °
15.9 °
66 %
1.6kmh
98 %
Gio
21 °
Ven
21 °
Sab
23 °
Dom
21 °
Lun
20 °
3,800FollowerSegui
345FollowerSegui
390IscrittiIscriviti

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli pubblicitari



Ultimi articoli

Articoli Popolari

Consigli pubblicitari




È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker.

Il sito si mantiene in vita grazie alla pubblicità,

ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungerlo alla lista dei siti attendibili.

 

Per continuare a navigare:

disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.